Parola che si modifica

Parola che si modifica

Partire da una parola e trovarne altre di senso compiuto trasformando la parola iniziale. Una bella sfida!

Leggi tutta la scheda >

Descrizione

L’insegnante dice una parola e i bambini, a turno, ne devono ricavare un’altra senza pensarci su troppo a lungo. È permesso allungare o accorciare la parola iniziale, purché della parola primitiva resti qualche sillaba che la lasci facilmente riconoscere o abbia chiaro riferimento a essa. Per esempio: la parola proposta dall’insegnante è “stazione”. I bambini possono modificarla in: azione, zio, io, iodio, porzione, ozio, stabile, stacco, spedizione, ecc.
Non bisogna però ripetere una parola che sia già stata detta.

Parola che si modifica

Informazioni aggiuntive

Autore