Ginkgo biloba

Ginkgo biloba

Un albero dalle foglie inconfondibili. Sembrano dei ventagli, dei cuori… e poi in autunno diventano tutte gialle. Quali sorprese racchiude una pianta così meravigliosa?

Leggi tutta la scheda >

Descrizione

Il Ginko biloba viene spesso definito un “fossile vivente” perchè è un albero antichissimo. Esistono reperti fossili di questa pianta di 270 milioni di anni fa. Inoltre è la pianta con semi più antica che ancora esista sulla terra.
La forma delle foglie è molto particolare, e ricorda un cuore o un piccolo ventaglio.
Il Ginko biloba ha esemplari maschi ed esemplari femmine. Le femmine sono quelle che producono i frutti (e quindi i semi). Purtroppo i frutti hanno un odore piuttosto sgradevole e quando cadono a terra puzzano un po’…
Il nome biloba deriva da bilobata (con due lobi); anche il nostro cervello è composto da due lobi.

Storia

E’ una pianta molto resistente e resiste molto bene anche nelle nostre città inquinate. Nella città giapponese di Hiroshima sono ancora vivi alcuni esemplari di Ginko biloba sopravvissuti alla bomba atomica lanciata sulla città;  sono diventati un simbolo di pace, vengono chiamati “Hibaku jumoku” ovvero “alberi bombardati”.
Esiste un progetto, Green Legacy Hiroshima, che si occupa della diffusione nel mondo di piante nate dai semi di questi esemplari sopravvissuti.

Letteratura

Il poeta tedesco Johann Wolfgang von Goethe (molto interessato al mondo della botanica) scrisse una poesia dedicata al Ginko biloba.

Scriviamo…

Scriviamo (in prima persona) cos’ha visto la pianta Ginkbo biloba in una fase della storia (ai tempi dei dinosauri, dell’antica Roma…).

 

Ginkgo biloba

Informazioni aggiuntive

Autore

,