A caccia di facce

A caccia di facce

Stiamo parlando di facce che sbucano dai posti più impensati, nei momenti che meno ci aspettiamo: scovarle, fotografarle e collezionarle può diventare un’attività appassionante che si snoda per un anno intero in diversi contesti didattici.

Leggi tutta la scheda >

Descrizione

Il fenomeno della pareidolia.
L’uomo ha la tendenza istintiva nel trovare strutture ordinate e forme conosciute in oggetti inanimati (per es.volti o animali nelle nuvole, nei paesaggi); sembra che questa tendenza sia una delle eredità del nostro processo evolutivo: essa infatti consente di individuare tratti che potrebbero corrispondere ad un pericolo (un potenziale predatore) o ad una opportunità (una potenziale preda), partendo da pochi indizi che vengono poi elaborati e completati dal nostro cervello. La proposta del percorso parte da una caccia collettiva che dura un intero anno scolastico, valida in tutti i momenti della giornata e che darà modo di confrontarsi periodicamente sui temi proposti.

Osservazione dell’ambiente

La caccia alla faccia non comprende solo volti umani, ma anche gli animali, e, in generale, qualsiasi forma di essere vivente che possa essere individuato in oggetti inanimati. La capacità di cogliere le similitudini ha lo scopo di affinare le capacità di osservazione e indagine rispetto all’ambiente che ci circonda.

Arte

L’individuazione delle immagini apre la possibilità di parlare e di conoscere le opere di quegli artisti (es. Andrea Mantegna, Leonardo Da Vinci, Giotto, Hans Holbein, Giuseppe Arcimboldo,Dalì) che hanno fatto della pareidolia uno dei propri tratti distintivi.

Matematica

Organizzare e catalogare le immagini raccolte secondo diversi criteri: somiglianza con il modello reale, materiale su cui viene registrato il fenomeno (lo abbiamo visto in una roccia? Dentro ad una nuvola? Sopra a una foglia?), dati di colui/colei, che ha effettuato la scoperta, “punteggio stupore” deciso per votazione della classe.

Corpo umano

Per quanto riguarda il corpo umano si possono approfondire didatticamente i processi della visione e parlare di illusioni ottiche ed elaborazione degli stimoli che dagli occhi raggiungono la corteccia.

Religione

In alcuni casi i fenomeni di pareidolia sono stati interpretati come manifestazioni del divino, benché si trattasse di spiegabili fenomeni scientifici

Leggiamo…

MIRAMURI, M. Tappari e A. Sanna, Terre di mezzo editore 2015
Non solo facce nascondono i muri, anche cavalli, pesci e tartarughe… per continuare ad allenare lo sguardo
età: scuola infanzia e primaria

A caccia di facce

Informazioni aggiuntive

Autore

,